torna ad inizio pagina
Torna alle NEWS

Studio Legale Venco

Archivio delle maggiori novità

pubblicate sul sito 

black bar

torna ad inizio pagina
Torna alle NEWS

Le informazioni contenute nella presente sezione hanno il solo scopo di evidenziare al visitatore del sito significative novità legislative e giurisprudenziali; tali informazioni per loro stessa natura possono anche non essere complete, esaurienti o aggiornate, e talvolta contengono link a siti esterni sui quali il nostro studio non ha nessun controllo e per i quali non si assume nessuna responsabilità. Le notizie non possono quindi essere assolutamente considerate quale  un parere di tipo professionale o legale per un caso concreto: chiunque sia interessato alle tematiche trattate è pertanto tenuto a rivolgersi ad un professionista qualificato di propria fiducia per ottenere tutte le informazioni del caso.

Gli unici testi normativi e giurisprudenziali ufficiali sono quelli legalmente riconosciuti dai rispettivi ordinamenti, ai quali si rinvia integralmente (così ad esempio, per gli atti normativi, il supporto cartaceo della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana o della Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea). Non ci si assume pertanto nessuna responsabilità per eventuali errori materiali nei testi o per problemi di funzionamento del server.

Nessuna iniziativa, azione o reclamo, in via giudiziale o stragiudiziale, potranno essere intrapresi sulla base delle informazioni qui contenute senza prima aver consultato un professionista qualificato di fiducia. Infatti solo un professionista è in grado di confermare che il dato normativo (per sua natura di carattere generale e non riferito ad un caso concreto) possa davvero applicarsi alla fattispecie di possibile interesse.  

black bar

10.01.2015
LE SENTENZE POTRANNO ESSERE ESEGUITE NELL’UNIONE SENZA ALCUNA PROCEDURA DI RICONOSCIMENTO

Entra oggi in vigore il Regolamento UE n. 1215/2012 che, in tema di riconoscimento ed esecuzione delle sentenze, ha abolito qualsiasi forma di exequatur.
Infatti non sarà più necessario chiedere alle Corti d'Appello la dichiarazione di esecutività di cui al precedente regolamento 44/2001: una sentenza, già esecutiva nello Stato dell'Unione europea da cui proviene, potrà essere immediatamente eseguita negli altri Stati.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Regolamento Unione Europea n. 1215/2012  


black bar

15.12.2014
INTERESSI LEGALI ALLO 0,5%

Il saggio degli interessi legali di cui all’art. 1284 cod. civ., a decorrere dal 1° gennaio 2015, è stato ridotto al minimo storico dello 0,5%.

D.M. 11.12.2014 (in G.U. 15.12.2014)               news StudioVenco - avvocati a Como e Milano vedi la TABELLA COMPLETA DEGLI INTERESSI


black bar

16.05.2014
DATA RETENTION: ANNULLATA LA DIRETTIVA SULLA CONSERVAZIONE DEI DATI DEL TRAFFICO TELEFONICO

La Corte di Giustizia ha annullato la direttiva 2006/24/EC del 15.03.2006 ritenendo, tra l’altro, ingiustificata l’ingerenza particolarmente grave nei diritti fondamentali al rispetto della vita privata ed alla protezione dei dati di carattere personale.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte di Giustizia, sentenza 8.04.2014


black bar

22.02.2013
NON CONTRASTA CON L'ORDINE PUBBLICO ITALIANO LA SENTENZA STRANIERA CHE CONDANNA A RIMBORSARE IL DEBITO DI GIOCO

La Corte di Cassazione, ribaltando la decisione di merito, ha riconosciuto che non viola l’ordine pubblico ai sensi degli artt. 64 e 67 della L. 218/1995 la decisione straniera che dispone il rimborso di un mutuo contratto proprio per giocare al casinò, e pertanto tale sentenza può essere riconosciuta e dichiarata esecutiva in Italia (nonostante una simile domanda, se proposta dinanzi al giudice italiano, sarebbe invece stata respinta ex art. 1933 c.c.).

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte di Cassazione, sentenza 17.01.2013 n. 1163


black bar

18.08.2012
REGOLAMENTO EUROPEO IN MATERIA DI SUCCESSIONE EREDITARIA

Il parlamento Europeo ha approvato il regolamento relativo alla competenza, alla legge applicabile, al riconoscimento e all’esecuzione delle decisioni in materia di successione ereditaria; le nuove norme disciplinano anche l’accettazione e l’esecuzione degli atti pubblici in materia di successioni, ed inoltre istituiscono il “certificato successorio europeo”.
Il Regolamento si applicherà dal 17 agosto 2015 alle successioni aperte a partire da tale data, per tutti i paesi dell’Unione ad eccezione di Danimarca, Irlanda e Regno Unito.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Regolamento Europeo n. 650/2012


black bar

22.07.2012
CORTE DI GIUSTIZIA: COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE CONTRO L'ENTE RESPONSABILE EX D.LGS. 231/2001

La Corte, decidendo la questione sollevata dal G.I.P. di Firenze, ha statuito che non contrasta con la normativa europea la disciplina italiana interpretata nel senso che impedisce nel procedimento penale la costituzione di parte civile e la relativa richiesta di risarcimento danni contro l’ente responsabile ai sensi del D.Lgs 231/2001, così costringendo il danneggiato a formulare le proprie domande in un separato procedimento.
Si segnala che la corte ha deciso in palese contrasto con le conclusioni rassegnate dall’Avvocato Generale.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte di Giustizia – Sentenza 12.07.2012 (dal sito web della Corte di Giustizia)


black bar

19.12.2011
INTERESSI LEGALI AL 2,5%

Il saggio degli interessi legali di cui all’art. 1284 cod. civ., a decorrere dal 1° gennaio 2012, è stato stabilito nella misura del 2,5%.

D.M. 12.12.2011               news StudioVenco - avvocati a Como e Milano vedi la TABELLA COMPLETA DEGLI INTERESSI


black bar

16.08.2011
L’ATTUAZIONE DELLA NORMATIVA EUROPEA INTRODUCE NUOVI REATI AMBIENTALI

Oggi è entrato in vigore il decreto legislativo che, in attuazione delle direttive 2008/99/CE e 2009/123/CE, riformula alcune norme in materia di tutela dell’ambiente ed introduce due nuove fattispecie di reato:
- Art. 727-bis - Uccisione, distruzione, cattura, prelievo, detenzione di esemplari di specie animali o vegetali selvatiche protette
- Art. 733-bis - Distruzione o deterioramento di habitat all’interno di un sito protetto.
Si evidenzia che la violazione di tali norme può altresì comportare la responsabilità degli enti ai sensi del D.lgs. 231/2001.

Decreto legislativo 7.07.2011 n. 121 (G.U. n. 177 del 1.08.2011)


black bar

09.05.2011
CONDOMINIO - CHIAREZZA SULL’IMPUGNAZIONE DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI

Le Sezioni Unite della Cassazione, componendo un contrasto interno alla Seconda Sezione, hanno affermato che le impugnazioni delle delibere dell'assemblea condominiale vanno proposte con citazione (anziché con ricorso), non disciplinando l'art. 1137 cod. civ. la forma di tali impugnazioni.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte di Cassazione Sentenza n. 8491 del 14 Aprile 2011 (dal sito web della Suprema Corte)

    (dal sito web della Suprema Corte)


black bar

28.04.2011
NUOVA DIRETTIVA UE CONTRO I RITARDI NEI PAGAMENTI

Il Parlamento Europeo ha approvato la nuova disciplina che, mirando a ridurre i ritardi dei pagamenti nelle transazioni commerciali, viene a sostituire la precedente direttiva n. 2000/35/CE (recepita dall’Italia con il D.lgs. 231/2002).
Tra le varie disposizioni si segnala: la generale risarcibilità dei costi di recupero del credito; la previsione secondo cui le clausole gravemente inique per il creditore (tra cui ad esempio quella che escluda la risarcibilità dei predetti costi di recupero) siano inefficaci o in alternativa diano luogo a risarcimento; infine il termine per il pagamento non dovrà superare generalmente i 60 giorni nei rapporti tra imprese, ed i 30 giorni nei rapporti con la pubblica amministrazione.
La direttiva dovrà essere recepita entro il 16 marzo 2013 (e gli Stati potranno decidere se le nuove disposizioni si applicheranno anche ai contratti conclusi pima di tale data).

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Direttiva n. 2011/7/UE


black bar

04.01.2011
AIUTI DI STATO: LA COMMISSIONE UE PUBBLICA UN MANUALE PER I GIUDICI NAZIONALI

La Commissione ha pubblicato un manuale relativo alle modalità di funzionamento dei nuovi meccanismi di consultazione, che consentono ora ai giudici nazionali di contattare direttamente la Commissione per ottenere informazioni o richiedere pareri.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano MANUALI SULLA CONCORRENZA - Applicazione della normativa UE in materia di aiuti di Stato da parte dei giudici nazionali

    (dal sito della Commissione Europea)


black bar

03.01.2011
LE SEZIONI UNITE
FANNO CHIAREZZA SUL GIUDIZIO D'APPELLO AVVERSO SANZIONI AMMINISTRATIVE

Con tre distinte decisioni (nn. 23285, 23286 del 18 novembre e n. 23594 del 22 novembre 2010) la Corte di Cassazione ha precisato che la regola del “foro erariale” non si applica ai giudizi di appello in materia di opposizione alle sanzioni amministrative.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Ordinanza n. 23285 del 18 novembre 2010


black bar

27.12.2010
GLI INTERESSI LEGALI AUMENTANO ALL’1,50%

Il saggio degli interessi legali di cui all’art. 1284 cod. civ., a decorrere dal 1° gennaio 2011, è stato stabilito nella misura del 1,5%.

D.M. 7.12.2010 (G.U. n. n. 292 del 15/12/2010)              news StudioVenco - avvocati a Como e Milano vedi la TABELLA COMPLETA DEGLI INTERESSI


black bar

9.10.2010
IL GIUDICE PUO' CONCEDERE D'UFFICIO LA REMISSIONE IN TERMINI SE MUTA L'ORIENTAMENTO GIURISPRUDENZIALE

La Suprema Corte, rivedendo un consolidato orientamento giurisprudenziale, ha affermato il seguente principio di diritto:

Alla luce del principio costituzionale del giusto processo, va escluso che abbia rilevanza preclusiva l’errore della parte la quale abbia fatto ricorso per cassazione facendo affidamento su una consolidata, al tempo della proposizione dell’impugnazione, giurisprudenza di legittimità sulle norme regolatrici del processo, successivamente travolta da un mutamento di orientamento interpretativo, e che la sua iniziativa possa essere dichiarata inammissibile o improcedibile in base a forme e termini il cui rispetto, non richiesto al momento del deposito dell’atto di impugnazione, discenda dall’overrullng; il mezzo tecnico per ovviare all’errore oggettivamente scusabile è dato dal rimedio della rimessione in termini, previsto dall’art. 184 bis c.p.c., (ratione temporis applicabile), alla cui applicazione non osta la mancanza dell’istanza di parte, dato che, nella specie, la causa non imputabile è conosciuta dalla corte di cassazione, che con la sua stessa giurisprudenza ha dato indicazioni sul rito da seguire, ex post rivelatesi non più attendibili.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte di Cassazione, ordinanza 02.07.2010 n. 15811


black bar

31.07.2010
IL LIMITE ALL'APERTURA DI NUOVE FARMACIE PUÒ ESSERE GIUSTIFICATO DALL'INTERESSE GENERALE AD AVERE MEDICINE DI QUALITA'

La Corte di Giustizia, decidendo un procedimento in cui ben 8 governi avevano presentato le loro osservazioni, ha affrontato il problema della compatibilità con il diritto comunitario della normativa spagnola che, in particolare:

  1) subordina l’apertura di nuove farmacie al rilascio di un'autorizzazione amministrativa, che può essere accordata solo ai vincitori di un concorso;

  2) limita, in ciascuna zona, il numero delle farmacie in relazione al numero di abitanti;

  3) impone ai farmacisti di rispettare, come regola generale, una distanza minima di 250 metri dalle farmacie già esistenti.
La Corte ha riconosciuto che tale normativa effettivamente ostacola l’esercizio in forma stabile, da parte dei farmacisti degli altri Stati membri, delle loro attività nel territorio spagnolo, e tuttavia ha ritenuto che tale restrizione alla libertà di stabilimento, in linea di principio, sia giustificata dall'interesse generale alla tutela della sanità pubblica, ed in particolare dall’obiettivo di garantire alla popolazione una fornitura di medicinali sicuri e di qualità.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte di Giustizia, sentenza 1.06.2010


black bar

22.07.2010
IN VIGORE DAL 16 SETTEMBRE IL CODICE DEL PROCESSO AMMINISTRATIVO

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo codice, che avvicina significativamente il rito amministrativo al codice di procedura civile.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Decreto Legislativo 2.07.2010 n. 104


black bar

26.03.2010
FINALMENTE LA LEGISLAZIONE ITALIANA E’ ACCESSIBILE AI CITTADINI

Dal 19 marzo 2010 è entrata in funzione 'Normattiva', la prima banca dati online, accessibile a tutti e consultabile gratuitamente, che contiene i testi delle leggi statali vigenti aggiornate in tempo reale (attualmente sono aggiornati in tempo reale solo gli atti normativi pubblicati dal primo gennaio 1980 ad oggi, ma la banca dati dovrebbe essere implementata progressivamente).

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Sito ufficiale di Normattiva


black bar

12.03.2010
TENTATIVO DI MEDIAZIONE OBBLIGATORIO PER LE CONTROVERSIE CIVILI E COMMERCIALI

Il nuovo decreto legislativo tende a favorire la mediazione, anche con sgravi fiscali e, a decorrere dal 20 marzo 2011, una buona parte delle controversie vertenti su diritti disponibili dovrà essere preceduta dal tentativo obbligatorio di conciliazione previsto dal decreto, che non potrà durare più di quattro mesi (il tentativo di conciliazione sarà infatti obbligatorio in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilità medica e da diffamazione a mezzo stampa, contratti assicurativi, bancari e finanziari).
Appare inoltre immediatamente applicabile la disposizione secondo cui l'avvocato, sin dal primo colloquio con l'assistito, deve informarlo della possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione e delle relative agevolazioni fiscali: l'informazione deve risultare da un documento sottoscritto dall'assistito, a pena di annullabilità del contratto concluso tra cliente e avvocato, e tale documento deve essere allegato all'atto introduttivo dell'eventuale giudizio.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Decreto Legislativo 4.03.2010 n. 28


black bar

17.12.2009
CONTRATTI INTERNAZIONALI: DA OGGI E' IN VIGORE IL REGOLAMENTO UE

I contratti internazionali conclusi da oggi in poi saranno soggetti al regolamento n. 593/2008 che, pur ribadendo il principio generale della libertà di scelta della legge a cui sottoporre il contratto, prevede espressamente quale legge applicare nel caso in cui le parti non abbiano previsto nulla al riguardo.
La legge che disciplina una determinata obbligazione contrattuale si applicherà anche nella parte in cui stabilisca presunzioni legali o ripartisca l'onere della prova.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Regolamento n. 593/2008


black bar

16.12.2009
GLI INTERESSI LEGALI PASSANO DAL 3% ALL’1%

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto con cui il saggio degli interessi legali di cui all’art. 1284 cod. civ., a decorrere dal 1° gennaio 2010, è stato stabilito nella misura del 1%.

D.M. 4.12.2009 (G.U. n. 291 del 15.12.2009)               news StudioVenco - avvocati a Como e Milano vedi la TABELLA COMPLETA DEGLI INTERESSI


black bar

22.10.2009
LE SEZIONI UNITE SULLA NOTIFICAZIONE (TARDIVA) QUANDO IL PRECEDENTE TENTATIVO DI NOTIFICA (TEMPESTIVO) NON SI SIA PERFEZIONATO PER CAUSA NON IMPUTABILE AL RICHIEDENTE

Le Sezioni Unite, anche alla luce del principio della ragionevole durata del processo, hanno affermato il seguente principio di diritto: “Nel caso in cui la notificazione di un atto processuale, da compiere entro un termine perentorio, non si concluda positivamente per circostanze non imputabili al richiedente, quest’ultimo, ove se ne presenti la possibilità, ha la facoltà e l’onere di richiedere [n.d.r. all’ufficiale giudiziario] la ripresa del procedimento notificatorio, e la conseguente notificazione, ai fini del rispetto del termine, avrà effetto fin dalla data iniziale di attivazione del procedimento, sempreché la ripresa del medesimo sia intervenuta entro un tempo ragionevolmente contenuto, tenuti anche presenti i tempi necessari secondo la comune diligenza per venire a conoscenza dell’esito negativo della notificazione e per assumere le informazioni ulteriori conseguentemente necessarie”.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza n. 17352 del 24.07.2009 


black bar

05.09.2009
CORRUZIONE INTERNAZIONALE: RATIFICATA LA CONVENZIONE ONU DEL 2003

Il Presidente della Repubblica è stato autorizzato a ratificare la Convenzione di Merida, che mira a contrastare la corruzione internazionale mediante varie misure, tra cui la designazione dell’autorità nazionale anti-corruzione e l'individuazione dell’autorità centrale ai fini dell’applicazione della convenzione, nonchè l’introduzione della possibilità di devolvere allo stato estero i beni confiscati.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Legge 3 agosto 2009, n. 116


black bar

24.07.2009
RESPONSABILITA’ CIVILE: PUBBLICATE LE TABELLE DI MILANO DEL DANNO NON PATRIMONIALE

L’Osservatorio per la Giustizia Civile di Milano ha pubblicato le nuove tabelle relative alla liquidazione del danno non patrimoniale derivante da lesione alla integrità psico-fisica, o da perdita del rapporto parentale.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Osservatorio per la Giustizia Civile di Milano - Tabelle 2009


black bar

15.07.2009
ASSICURAZIONI: LA DISCIPLINA DEL RISARCIMENTO DIRETTO E’ MERAMENTE FACOLTATIVA

La Corte Costituzionale, con una sentenza interpretativa di rigetto, ha dichiarato che il sistema di indennizzo diretto di cui all’art. 149 del Codice delle Assicurazioni Private (D.Lgs. 209/2005) non ha fatto venir meno la tradizione azione di cui all’art. 2054 c.c. né tanto meno quella nei confronti dell’Assicurazione del responsabile, poiché “...l'azione diretta contro il proprio assicuratore è configurabile come una facoltà, e quindi un'alternativa all'azione tradizionale per far valere la responsabilità dell'autore del danno”.

Corte Costituzionale - sentenza n. 180 del 19/06/2009


black bar

01.03.2009
LE SEZIONI UNITE FANNO IL PUNTO SU
RECESSO E RITENZIONE DELLA CAPARRA, RISOLUZIONE DEL CONTRATTO E RISARCIMENTO

La Suprema Corte ha esaminato la variegata e contrastante giurisprudenza esistente riguardo al rapporto tra i due rimedi previsti dall’art. 1385 c.c., ed ha affermato ben sei principi di diritto ribadendo "l'assoluta incompatibilità strutturale e funzionale" tra azione di risoluzione e di risarcimento integrale dei danni, da un lato, e azione di recesso e di ritenzione della caparra, dall'altro, ed ha così confermato - tra l'altro - che electa una via non datur recursus ad alteram.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte di Cassazione, SS.UU., sentenza 14.01..2009 n. 553


black bar

25.02.2009
INTERESSI COMMERCIALI AL 9,50%

Il saggio di interessi applicabile per i ritardi nei pagamenti nelle transazioni commerciali (art. 5 D.lgs. 231/2002) per il semestre gennaio-giugno 2009 è pari al 9,50%.

Comunicato Min. Finanze (in G.U. 2 febbraio 2009, n.26)          news StudioVenco - avvocati a Como e Milano vedi la TABELLA COMPLETA DEGLI INTERESSI


black bar

27.08.2008
SEPARAZIONE: LA PERDITA DELLA CASA CONIUGALE NON E' PIU' AUTOMATICA

Con una sentenza "interpretativa di rigetto", la Corte Costituzionale ha dichiarato che L’art. 155-quater del codice civile deve essere interpretato nel senso che l'assegnazione della casa coniugale al coniuge separato non viene meno di diritto al verificarsi di una convivenza di fatto o di un nuovo matrimonio, ma che piuttosto la decadenza dall'assegnazione è subordinata ad un giudizio di conformità all'interesse del minore.

news StudioVenco - avvocati a Como e Milano Corte Costituzionale , sentenza 30.07.2008 n. 308


black bar

25.07.2008
INTERESSI COMMERCIALI AL 11,10%

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha pubblicato il saggio di interessi applicabile per i ritardi nei pagamenti nelle transazioni commerciali (art. 5 D.lgs. 231/2002) per il semestre luglio-dicembre 2008.

Comunicato 21 luglio 2008 (in G.U. 21.07.08 n.169)          news StudioVenco - avvocati a Como e Milano vedi la TABELLA COMPLETA DEGLI INTERESSI


black bar

16.06.2008
ESECUZIONE FORZATA CONTRO LA P.A.: PER L’AVVOCATO GENERALE LA LEGGE ITALIANA CONTRASTA CON LA NORMATIVA EUROPEA

Sulla questione pregiudiziale sollevata dal Tribunale di Roma in merito al ben noto art. 14 D.L. 669/96 (secondo cui l’esecuzione forzata nei confronti della pubblica amministrazione può essere avviata soltanto dopo 120 giorni dalla notifica del titolo esecutivo), l’Avvocato Generale ha concluso che la predetta normativa si pone in contrasto con la direttiva UE 2000/35/CE, recepita nel nostro ordinamento con il D.lgs. 231/2002.

Conclusioni del 24/04/2008 nella causa C 265/07


black bar

12.06.2008
IL GIUDICE COMPETENTE PER IL DIVORZIO

La Corte Costituzionale ha dichiarato la parziale illegittimità dell'art. 4, comma 1, della legge 1 dicembre 1970 n. 898 (Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio), nella parte in cui prevedeva quale criterio primario di competenza quello "del luogo dell'ultima residenza comune dei coniugi".
Ne deriva che i procedimenti di tal genere potranno ora essere radicati in forza dei criteri originariamente previsti come sussidiari da detta norma, primo tra tutti quello della residenza del coniuge convenuto.

 Corte Costituzionale , sentenza 23.05.2008 n. 169


black bar

08.04.2008
PER EVITARE GLI INTERESSI MORATORI IL BONIFICO DEVE PERVENIRE ENTRO LA SCADENZA

La Corte di Giustizia ha affermato che la direttiva 2000/35/CE (recepita in Italia mediante decreto legislativo n. 231/2002) va interpretata nel senso che, in caso di pagamento mediante bonifico bancario, per escludere l'applicazione degli interessi moratori la somma dovuta deve essere accreditata sul conto del creditore entro la data di scadenza.
Dal principio affermato dalla Corte discende che, a tal fine, non sarebbe nemmeno sufficiente un bonifico accreditato in data successiva alla scadenza ma con valuta anteriore, poiché anche in tal caso il creditore avrebbe la materiale disponibilità della somma solo successivamente alla scadenza dell’obbligazione.

 Corte di Giustizia CE, sentenza 4 aprile 2008


black bar

13.03.2008
LA SUPREMA CORTE FA IL PUNTO SULL’INAMMISSIBILITA’ DEI RICORSI

La Corte di Cassazione ha pubblicato un’utilissima relazione in cui, a due anni dall’entrata in vigore della riforma, illustra le prime interpretazioni delle nuove norme relative all’inammissibilità dei ricorsi in cassazione.

 Relazione n. 25/2008 (file Word, scaricato dal sito della Suprema Corte di Cassazione)


black bar

01.02.2008
TRATTAMENTO FISCALE PER TRUST, SUCCESSIONI E DONAZIONI

Stante anche il sempre maggior interesse per i trust, si ritiene opportuno segnalare la recente circolare dell’Agenzia delle Entrate che illustra lo stato dell’arte riguardante il trattamento fiscale di successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione.

 Agenzia delle Entrate, Circolare 22.01.2008


black bar

01.01.2008
TASSO DI INTERESSE LEGALE AL 3%

Con decorrenza dal 1° gennaio 2008 il tasso di interesse legale di cui all’art. 1284 cod. civ. è stato innalzato dal 2,5% al 3%.

 Decreto Ministero Economia e Finanze 12.12.2007


black bar

19.10.2007
ULTERIORI MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE

E’ stato pubblicato il decreto che reca ulteriori modifiche alla legge fallimentare, che entrerà in vigore il 1° gennaio 2008.

 Decreto legislativo 12.09.2007 n. 169 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 16.10.2007) 


black bar

10.09.2007
L’ILLEGITTIMITA’ DI UN AIUTO DI STATO TRAVOLGE ANCHE IL GIUDICATO ITALIANO

La Corte di Giustizia è stata chiamata a decidere una vicenda in cui, dopo una sentenza della Corte d’Appello passata in giudicato che aveva riconosciuto ad un’impresa il diritto a ricevere un aiuto di stato, il Ministero ne aveva successivamente disposto il recupero in quanto l'aiuto era contrario alla normativa comunitaria.
La Corte ha statuito che il diritto comunitario osta all’applicazione di una disposizione del diritto nazionale, come l’art. 2909 del Codice Civile italiano, volta a sancire il principio dell’autorità di cosa giudicata, nei limiti in cui l’applicazione di tale disposizione impedisce il recupero di un aiuto di Stato erogato in contrasto con il diritto comunitario e la cui incompatibilità con il mercato comune è stata dichiarata con decisione della Commissione delle Comunità europee divenuta definitiva.

 Corte di Giustizia, sentenza 18.07.2007 


black bar

07.09.2007
LA DISCIPLINA FISCALE DEL TRUST IN ITALIA

L'Agenzia delle Entrate ha emanato una complessa circolare in cui illustra la disciplina fiscale a cui sono assoggettati i trust in Italia, evidenziando come debbano essere applicate le imposte sui redditi (anche per i redditi prodotti in Italia da trust esteri) e le imposte indirette.

 Agenzia delle Entrate - Circolare 6 agosto 2007 n. 48/E 


black bar

10.07.2007
NIENTE PRELAZIONE EX ART. 38 L. 392/78 IN CASO DI ALIENAZIONE DI UNA QUOTA
DELL'IMMOBILE

Le Sezioni Unite della Suprema Corte hanno risolto il contrasto giurisprudenziale esistente sul punto, affermando che al conduttore non spetta il diritto di prelazione (ed il conseguente diritto di riscatto dell'immobile) qualora il locatore alieni, ad un terzo ovvero ad altro comproprietario dell'immobile, una quota del bene oggetto del rapporto di locazione.
La stessa Corte ammette il rischio che il locatore possa tentare di eludere il diritto di prelazione mediante successive alienazioni di quote, e precisa però che -in tal caso- al conduttore spettano i rimedi dell’esercizio del diritto di riscatto (sul presupposto della dissimulata vendita dell’intero) e del risarcimento dei danni.

 Cassazione Civile, Sezioni Unite, sentenza 14.06.2007 n. 13886 


black bar

1.06.2007
CORTE COSTITUZIONALE: IL RITO SOCIETARIO NON SI APPLICA ALLE CONTROVERSIE SU BREVETTI E MARCHI

La Corte ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 134, comma 1, del Codice della Proprietà Industriale (decreto legislativo 10.02.2005 n. 30) evidenziando che detta norma, che prevedeva l’applicazione del rito societario alle controversie in questione, era viziata da eccesso di delega poiché il Governo non era stato in alcun modo autorizzato dalla legge delega a sottoporre tali controversie ad un rito differente da quello ordinario.

 Corte Costituzionale, Sentenza 17 maggio 2007, n. 170 


black bar

31.05.2007
TRIBUNALE DI MILANO: CIRCOLARE SULL’ACCERTAMENTO DEL PASSIVO

Il Tribunale di Milano ha diffuso una utilissima circolare di oltre 500 pagine recante “istruzioni comportamentali per l’accertamento del passivo indirizzate ai creditori concorsuali ed ai curatori” al dichiarato scopo di “fornire, a creditori e curatori, un ulteriore strumento operativo, al fine di realizzare, nel limite del possibile, orientamenti comuni ed una (sperabile) riduzione delle impugnazioni ex at. 97-98 L. F.

 Istruzioni comportamentali per l’accertamento del passivo (1,6 Mb: dal sito internet del Tribunale Fallimentare di Milano)  


black bar

10.04.2007
VENDITA DI IMMOBILI: NON SI PUO’ PROVARE CON TESTIMONI IL MAGGIOR PREZZO CHE NON RISULTA DAL ROGITO

Risolvendo il contrasto giurisprudenziale esistente in materia, le Sezioni Unite hanno stabilito che “la prova per testimoni del prezzo dissimulato di una vendita immobiliare non riguarda un elemento accessorio del contratto, in relazione al quale non opera il divieto di cui all’articolo 2722 cod. civ., ma un elemento essenziale, con conseguente applicabilità delle limitazioni in tema di prova previste da tale disposizione”.

Corte di Cassazione, Sezioni Unite Civili, sentenza n. 7246 del 26.03.2007 


black bar

22.02.2007
LE SENTENZE USA DI “PUNITIVE DAMAGES” NON SONO RICONOSCIBILI IN ITALIA

Interessante decisione della Corte di Cassazione: è stata negata la delibazione di una sentenza statunitense, ritenendola contraria all’ordine pubblico interno poiché essa conteneva una condanna al risarcimento dei danni riconducibile ai c.d. punitive damages.
Lo stesso sito internet della Corte segnala che attualmente è pendente presso le Sezioni Unite un’altra causa riguardante i danni punitivi (R.G.N. 21617/2006).

 Corte di Cassazione - Sezione Terza Civile, Sentenza 19 gennaio 2007, n.1183 


black bar

22.02.2007
LE SENTENZE USA DI “PUNITIVE DAMAGES” NON SONO RICONOSCIBILI IN ITALIA

Interessante decisione della Corte di Cassazione che ha confermato la sentenza di merito che aveva negato la delibazione di sentenza statunitense per contrarietà all’ordine pubblico interno, in quanto costituente una condanna al risarcimento dei danni riconducibile ai c.d. punitive damages.
Lo stesso sito internet della Corte segnala che attualmente è pendente presso le Sezioni Unite un’altra causa concernente i danni punitivi (R.G.N. 21617/2006).

 Corte di Cassazione - Sezione Terza Civile, Sentenza 19 gennaio 2007, n.1183 


black bar

05.02.2007
AVVOCATI: VARIE MODIFICHE AL CODICE DEONTOLOGICO - DAL 2008 CREDITI FORMATIVI OBBLIGATORI

A seguito delle disposizioni del c.d. decreto Bersani, il Consiglio Nazionale Forense ha deliberato le necessarie modifiche al codice deontologico.
Inoltre il C.n.f. ha approvato il regolamento sulla formazione professionale continua degli avvocati, basata su crediti formativi, che costituisce un’assoluta novità in campo forense ed entrerà in vigore il 1° luglio 2007 (il primo periodo di valutazione decorrerà dal gennaio 2008).

 Codice Deontologico 

 Regolamento sulla formazione continua 


black bar

12.01.2007
DAL 2008 L’INGIUNZIONE EUROPEA DI PAGAMENTO

E’ stato pubblicato il Regolamento che istituisce il procedimento europeo d’ingiunzione di pagamento: l’ingiunzione di norma dovrà essere emessa entro 30 giorni dalla domanda, e potrà essere opposta dal debitore entro 30 giorni dalla notifica. L’assistenza di un avvocato non sarà necessaria né per il ricorrente per la presentazione del ricorso, né per il convenuto per proporre l’opposizione.
L’ingiunzione di pagamento europea divenuta esecutiva sarà riconosciuta ed eseguita negli altri Stati membri senza che sia necessaria una dichiarazione di esecutività, e senza che sia possibile opporsi al suo riconoscimento.
Il regolamento si applicherà dal 12 dicembre 2008.

 Regolamento n. 1896/2006 (G.U. dell’U.E del 30.12.2006) (file Pdf di 34 Mb)


black bar

8.01.2007
PRIVACY: LINEE GUIDA PER I LAVORATORI
PRIVATI

 Linee Guida per il trattamento dei dati personali dei dipendenti di datori di lavoro privati


black bar

3.10.2006
LA CORTE DI GIUSTIZIA SALVA
L’IRAP

La Corte di Giustizia, decidendo in senso opposto alle conclusioni rassegnate dall’Avvocato Generale, ha dichiarato che l’Irap è compatibile con la normativa comunitaria.

 Corte di Giustizia - sentenza 3.10.2006 


black bar

11.09.2006
CNF: PRIME INTERPRETAZIONI SUL DECRETO BERSANI

Il Consiglio Nazionale Forense ha inviato alcune osservazioni sull’interpretazione ed applicazione del c.d. decreto Bersani (come convertito con legge 4.08.2006 n. 248), fornendo alcune indicazioni anche sui limiti entro i quali è lecito il c.d. patto di quota lite.

 Consiglio Nazionale Forense, Circolare 4.09.2006 


black bar

13.08.2006
LA CORTE DI GIUSTIZIA SULLA COMPETENZA ESCLUSIVA PER MARCHI E BREVETTI

In relazione all’art. 16 della Convenzione di Bruxelles del 1968 (v. oggi l’art. 22 del Regolamento CE 44/2001) la Corte di Giustizia ha precisato che la competenza esclusiva prevista da tale norma - attribuita al giudice del luogo del deposito o della registrazione di marchi e brevetti - preclude al giudice di un altro stato di accertare la validità di un brevetto anche solo in via incidentale, e che dunque “L'art. 16, punto 4, della Convenzione del 27 settembre 1968 concernente la competenza giurisdizionale e l'esecuzione delle decisioni in materia civile e commerciale…dev'essere interpretato nel senso che la regola di competenza esclusiva da esso sancita riguarda tutte le controversie vertenti sulla registrazione o sulla validità di un brevetto, a prescindere dal fatto che la questione sia sollevata mediante azione o eccezione".

Corte di Giustizia UE - Prima Sezione, sentenza 13 luglio 2006 


black bar

18.05.2006
LE SEZIONI UNITE SULL’OPPOSIZIONE TARDIVA A DECRETO INGIUNTIVO

La Corte di Cassazione, esaminando un caso in cui l’atto di opposizione a decreto ingiuntivo era stato tempestivamente consegnato all’ufficiale giudiziario ma il meccanismo notificatorio non si era poi perfezionato per causa non imputabile all’opponente, ha affermato che “la tempestiva consegna dell’atto all’ufficiale giudiziario perfeziona la notifica per l’opponente, evitando al medesimo anche l’effetto di decadenza, dal rimedio oppositorio, nell’ipotesi di non tempestivo o mancato completamento della procedura notificatoria per la fase sottratta al suo potere d’impulso. Con la conseguenza, in tale ultimo caso, che è in potere della parte di rinnovare la notifica con il modulo, e nel termine, della opposizione tardiva di cui all’articolo 650 Cpc.".

Corte di Cassazione, Sezioni Unite, sentenza 16 marzo-4 maggio 2006, n. 10216 


black bar

07.04.2006
DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO PER GLI AVVOCATI

E' stato pubblicato sulla gazzetta ufficiale il regolamento che disciplina gli obblighi di identificazione, conservazione delle informazioni a fini antiriciclaggio e segnalazione delle operazioni sospette, per l'attività di avvocati, notai, dottori commercialisti, revisori contabili, societa' di revisione, consulenti del lavoro, ragionieri e periti commerciali.

 Decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze 3 Febbraio 2006 n. 141  


black bar

17.03.2006
NUOVO RITO PER I SINISTRI STRADALI

Con una disposizione che farà certo discutere, è ora previsto che le cause relative al risarcimento danni per morte o lesioni conseguenti ad incidenti stradali dovranno seguire le norme processuali del rito del lavoro.

 Legge 21 febbraio 2006 n. 102  


black bar

01.03.2006
IN VIGORE IL NUOVO PROCESSO CIVILE

Da oggi entra in vigore la riforma del processo civile.

Si rinvia all'utilissimo prospetto di raffronto predisposto dal Consiglio Nazionale Forense.
 La riforma del processo civile


black bar

16.01.2006
RIFORMA DEL DIRITTO FALLIMENTARE

Sulla gazzetta ufficiale è stata pubblicata la tanto attesa riforma del diritto fallimentare.
E’ possibile visionarne il testo sulla Gazzetta Ufficiale online.

Decreto Legislativo 9 gennaio 2006 n. 5 (G.U. n. 12 del 16-1-2006- Suppl. Ordinario n.13)


black bar

01.01.2006
PROCEDURA CIVILE: RIFORMA RINVIATA AL 1° MARZO, CON ULTERIORI MODIFICHE

Il Consiglio Nazionale Forense ha pubblicato un interessante specchietto riassuntivo della riforma del processo civile (che riporta le modifiche introdotte dal D.L. 14.03.05 n. 35 e successive modifiche ed integrazioni, anche alla luce della L. 28.12.05 n. 263 e del D.L. 30.12.05 n. 271).

Si rammenta che la maggior parte della riforma entrerà in vigore in data 1.03.2006.
 La riforma del processo civile


black bar

30.12.2005
PRIVACY: NUOVA PROROGA PER IL DPS

Sono stati nuovamente prorogati i termini per l’adeguamento alle misure di sicurezza previste dal Codice in materia di protezione dei dati personali (Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196: articolo 180, 1° e 3° comma).
Il termine per l'adeguamento è stato rinviato al 31 marzo 2006, mentre in caso di obiettive ragioni tecniche l'adeguamento dovrà avvenire entro il 30 giugno 2006.
 Decreto Legge 30 dicembre 2005 n. 273 (in G.U. n. 303 del 30-12-2005)


black bar

16.12.2005
LIBERA COMMERCIABILITA' PER I "PARCHEGGI PONTE"

La c.d. legge di semplificazione 2005 ha innovato la disciplina degli spazi riservati al parcheggio ex art. 18 L. 765/67, ed ora è previsto espressamente che tali parcheggi non sono gravati da vincoli pertinenziali di sorta o da diritti d'uso a favore dei proprietari di altre unità immobiliari, e sono dunque liberamente trasferibili indipendentemente da esse.
 Legge 28 novembre 2005 n. 246 (in G.U. n. 280 del 1-12-2005): art. 12, comma 9


black bar

8.12.2005
IN VIGORE LE NUOVE NORME SU PRESCRIZIONE E RECIDIVA

E' entrata in vigore l'8 dicembre 2005 la c.d. legge ex Cirielli recante "Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per i recidivi, di usura e di prescrizione”.
Dopo un aspro dibattito politico, la versione definitiva della legge prevede che, se per effetto delle nuove disposizioni i termini di prescrizione dei reati risultano più brevi, le nuove norme si applicano anche ai procedimenti pendenti, ad esclusione di quelli in grado di appello o cassazione ovvero di quelli in primo grado per i quali vi sia già stata la dichiarazione di apertura del dibattimento.
 Legge 5 dicembre 2005, n. 251


black bar

16.11.2005
CONDANNA DELLA PARTE CIVILE IN CASO DI SOCCOMBENZA NELL'IMPUGNAZIONE

Risolvendo un contrasto giurisprudenziale, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno stabilito che sussiste l'obbligo di condannare la parte civile al pagamento delle spese processuali (nel caso di mancato accoglimento dell'impugnazione proposta dalla stessa parte civile contro la sentenza di assoluzione dell'imputato) anche quando analoga impugnazione sia proposta dal pubblico ministero.
Corte di Cassazione - Sezioni Unite Penali, sentenza 25 ottobre - 16 novembre 2005, n. 41476


black bar

15.09.2005
TRIBUNALE CE: SENTENZA SUGLI OSTACOLI ALLE VENDITE PARALLELE DI AUTOVEICOLI

Si segnala la sentenza con cui il Tribunale di primo grado della Comunità Europea ha parzialmente accolto il ricorso presentato da una casa automobilistica contro la decisione con cui la Commissione aveva inflitto alla casa costruttrice un’ammenda di 71 milioni di euro.
 Tribunale di Primo Grado delle Comunità Europee - Sentenza 15.09.2005


black bar

2.09.2005
IL CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo unico che riordina la precedente legislazione in materia di assicurazioni private.  Molte le novità, tra cui si segnala, per la responsabilità civile autoveicoli, il nuovo sistema di indennizzo diretto e la previsione del diritto al rimborso del premio per il periodo non goduto fino alla scadenza del contratto, in caso di vendita o furto del veicolo.
Il provvedimento entrerà in vigore il 1° gennaio 2006.
 Codice delle assicurazioni private (testo provvisorio dal sito del Governo Italiano) 


black bar

22.07.2005
IL CODICE DEL CONSUMO

Il Governo ha approvato il “Codice del Consumo”, in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, che riunisce in un unico testo le disposizioni di 21 provvedimenti, rivedendo e correggendo alcuni aspetti problematici, e così abrogando le precedenti disposizioni (tra cui anche il D.p.r. 224/88 in tema di danno da prodotto).
 Codice del Consumo (testo provvisorio dal sito del Governo Italiano) 


black bar

4.05.2005
LA CORTE DI GIUSTIZIA SUL FALSO IN BILANCIO

La Corte di giustizia, chiamata a pronunciarsi sulla legge italiana sul falso in bilancio, ha affermato che la prima direttiva del 9 marzo 1968 n. 68/151/CEE non può essere invocata dalle autorità di uno Stato membro nei confronti di coloro che sono imputati in procedimenti penali, poiché una direttiva non può avere come effetto, di per sé e indipendentemente da una legge interna di uno Stato membro adottata per la sua attuazione, di determinare o aggravare la responsabilità penale degli imputati.

 Corte di Giustizia Sentenza 03/05/2005, n. C-387/02 


black bar

20.04.2005
PROCESSO CIVILE: LE SEZIONI UNITE VIETANO I NUOVI DOCUMENTI IN APPELLO

L’interpretazione sin qui prevalente dell’art. 345 c.p.c. è stata decisamente ribaltata.
Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno affermato che l’art. 345 c.p.c. impone gli stessi limiti sia alle prove costituende che ai documenti; pertanto i documenti nuovi in appello sono vietati ex art. 345 c.p.c., salvo che il Collegio li ritenga indispensabili per la decisione o la parte dimostri di non averli potuti produrre prima per causa a sé non imputabile.
In ogni caso, anche quando ricorrano tali condizioni, i documenti devono essere prodotti all’atto della costituzione in giudizio, e non anche successivamente.

Corte di Cassazione - Sezioni Unite, sentenza n. 8203 del 20.04.2005  


black bar

17.03.2005
L'U.E. CONTRO L'
IRAP

L'Avvocato Generale Jacobs, nell'ambito della questione pregiudiziale sollevata dalla Commissione Tributaria Provinciale di Cremona, ha affermato che l'Irap si pone in contrasto con la normativa comunitaria.

Si attende dunque la pronuncia del Giudice comunitario che, se accogliesse la tesi dell'Avvocato Generale, potrebbe anche limitare i rimborsi dovuti dallo Stato italiano per quanto illegittimamente riscosso dal momento dell'introduzione dell'imposta.


black bar

4.03.2005
CODICE DELLA PROPRIETA' INDUSTRIALE

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Codice della proprietà industriale, che viene a disciplinare in maniera organica la precedente normativa in materia di marchi, invenzioni, disegni, modelli di utilità, ecc...

 Decreto Legislativo 10 febbraio 2005, n. 30 


black bar

2.03.2005
PRIVACY: NUOVA PROROGA PER IL DPS

Sono stati nuovamente prorogati i termini per l’adeguamento alle misure di sicurezza previste dal Codice in materia di protezione dei dati personali (Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196: articolo 180, 1° e 3° comma).

Il termine per l'adeguamento (compresa l’adozione del Documento Programmatico sulla Sicurezza) è stato rinviato al 31 dicembre 2005, mentre in caso di obiettive ragioni tecniche l'adeguamento dovrà avvenire entro il 31 marzo 2006.

Legge 1 marzo 2005, n. 26 (Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 dicembre 2004, n. 314) 


black bar

28.01.2005
LA POSTA ELETTRONICA DIVENTA CERTIFICATA

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il Decreto che disciplina l'utilizzo della posta elettronica certificata sia nei rapporti con la Pubblica Amministrazione, sia nelle relazioni tra privati.

I documenti trasmessi per posta elettronica conformemente alle regole del decreto hanno completa validità giuridica e, quindi, lo stesso valore di una raccomandata con ricevuta di ritorno.

 Schema di decreto approvato dal Consiglio dei Ministri il 28.01.05 


black bar

24.01.2005
INCOSTITUZIONALE LA DECURTAZIONE DEI PUNTI PATENTE AL PROPRIETARIO

La Corte Costituzionale ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l'articolo 126-bis, comma 2, del Codice della Strada nella parte in cui disponeva che, nel caso di mancata identificazione del conducente da parte dell’organo di polizia, la decurtazione dei punti patente dovesse avvenire a carico del proprietario del veicolo, salvo che fosse quest'ultimo comunicasse all'organo di polizia i dati di colui che era alla guida del veicolo al momento dell'infrazione.
Per effetto di tale sentenza il proprietario del veicolo, nel caso in cui ometta di comunicare i dati del conducente, non subirà più la decurtazione dei punti ma gli verrà comunque inflitta la sanzione pecuniaria di cui all’articolo 180, comma 8, del codice della strada.

Corte Costituzionale, Sentenza 12 - 24 gennaio 2005, n. 27 


black bar

10.11.2004
PRIVACY - ULTERIORE PROROGA PER IL D.P.S.

Sono stati nuovamente prorogati i termini per l’adeguamento alle misure di sicurezza previste dal Codice in materia di protezione dei dati personali (Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n.196: articolo 180, 1° e 3° comma).

Il termine per l’adozione del Documento Programmatico sulla Sicurezza, già differito al prossimo 31 dicembre, è stato rinviato al 30 giugno 2005, mentre l'adeguamento in caso di obiettive ragioni tecniche dovrà avvenire entro il 30 settembre 2005.

Decreto Legge 9 novembre 2004, n.266 (Gazzetta Ufficiale del 10 novembre 2004, n.264)


black bar

3.09.2004
DAL 2005 IN VIGORE IL TITOLO ESECUTIVO EUROPEO

Il regolamento CE n. 805/2004, che istituisce il titolo esecutivo europeo per i crediti non contestati, si applicherà non solo alle decisioni giudiziarie ma anche alle transazioni giudiziarie e agli atti pubblici.

La nuova normativa, che presenta notevoli vantaggi rispetto al sistema del reg. 44/2001 poiché “rende superfluo il benestare del sistema giudiziario del secondo stato, con i ritardi e i costi che ne conseguono”, si applicherà solo agli atti formati successivamente al 21.01.2005.

 Regolamento CE N. 805/2004 


black bar

09.07.2004
COSTITUZIONE EUROPEA: PUBBLICATO IL TESTO ITALIANO

Sul sito del Governo è stata pubblicata la versione consolidata provvisoria della Costituzione europea, che dovrà essere firmata a Roma nel prossimo mese di ottobre.


black bar

30.06.2004
PRIVACY: RINNOVATE LE AUTORIZZAZIONI GENERALI

Il Garante della Privacy ha rilasciato le nuove autorizzazioni generali per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari, aggiornando le precedenti (nn. da 1 a 7/2002, scadute il 30 giugno 2004) in relazione alle novità introdotte dal D.lgs. 196/2003.


black bar

25.06.2004
PRIVACY: GUIDA OPERATIVA PER LA REDAZIONE DEL D.P.S.

Il Decreto Legge 24.06.2004 n. 158 (pubblicato sulla G.U. del 25 giugno) ha prorogato sino al 31 dicembre il termine per l'adozione delle nuove misure minime di sicurezza previste dal Testo Unico in materia di protezione dei dati personali (ivi compreso il Documento Programmatico per la Sicurezza).

Si rammenta che il Garante della Privacy ha pubblicato sul proprio sito una Guida operativa per la redazione del Documento Programmatico per la Sicurezza.

 Garante Privacy - Guida operativa per la redazione del DPS


black bar

12.06.2004
PROCESSO PENALE: MODIFICATA LA SOSPENSIONE CONDIZIONALE

Sulla G.U. del 12 giugno è stata pubblicata la legge che riforma significativamente sulla disciplina della sospensione condizionale della pena.

 Legge 11 Giugno 2004 n. 145, pubblicata sulla G.U. 12.06.2004 n. 145


black bar

24.05.2004
PUBBLICATA LA LEGGE SUL FRANCHISING

E' entrata in vigore il 25 maggio 2004 la prima normativa nazionale che disciplina i contratti di franchising (ovvero, per usare le parole della legge, i contratti di affiliazione commerciale).

Secondo le nuove norme, il contratto di franchising deve essere formalizzato per iscritto a pena di nullità e deve indicare espressamente l'ammontare di spese e investimenti gravanti sull'affiliato prima dell'avvio del contratto; i contratti già in corso dovranno essere adeguati alla nuova disciplina entro il 25.05.2005.

Legge 6 maggio 2004 n. 129


black bar

03.04.2004
PRIVACY: ESENZIONI DALLE NOTIFICHE 

Con provvedimento del 31 marzo, attualmente in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il Garante della Privacy ha sottratto dall'obbligo di notificazione una serie di trattamenti che, altrimenti, avrebbero dovuto essere oggetto di notifica all'Autorità entro il termine del 30 aprile 2004.

 Garante Privacy - Provvedimento 31 marzo 2004   


black bar

28.02.2004
PRESTO IN VIGORE LE NUOVE NORME ANTI-RICICLAGGIO 

Il Decreto Legislativo n. 56/2004 (che reca l’attuazione della direttiva 2001/97 in materia di prevenzione del riciclaggio dei proventi da attività illecite) ha introdotto per le professioni legali e contabili significativi obblighi di identificazione, registrazione nonché di segnalazione di operazioni sospette.

 Decreto Legislativo 20 febbraio 2004, n. 56 


black bar

14.02.2004
SOCIETA': LE MODIFICHE ALLA RIFORMA
 

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto Legislativo che modifica i decreti n. 5 e 6 del 2003 recanti la riforma del diritto societario operando il necessario coordinamento con i testi unici in materia bancaria e creditizia e di intermediazione finanziaria.

Decreto Legislativo 6 Febbraio 2004, n. 37 (G. U. 14 febbraio 2004, n.37 - Suppl. Ord.)


black bar

10.12.2003
TASSO LEGALE DI INTERESSI AL 2,5%

Con decreto ministeriale del 1° dicembre (Ministero dell'economia e delle finanze, Decreto 1 dicembre 2003, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 dicembre 2003) il tasso degli interessi legali di cui all'art. 1284 del codice civile e' stato ridotto al 2,5 per cento in ragione d'anno, con decorrenza dal 1° gennaio 2004.


black bar

20.11.2003
GUIDA PER LE NOTIFICHE ALL’ESTERO

Il Ministero per gli Affari Esteri ha pubblicato una guida che illustra le convenzioni in vigore con i singoli paesi stranieri ai fini della notifica all’estero di atti giudiziali e stragiudiziali in materia civile e commerciale.

 Guida per le Notifiche  


black bar

13.11.2003
LA CORTE GIUSTIZIA INTERVIENE SUL REGISTRO DEI PRATICANTI AVVOCATI

Risolvendo una questione interpretativa sollevata dalla Corte di Cassazione, la Corte di Giustizia ha confermato che contrasta con il diritto comunitario il rifiuto da parte delle autorità di uno Stato membro di iscrivere, nel registro di coloro che effettuano il periodo di pratica necessario per essere ammessi alla professione di avvocato, il titolare di una laurea in giurisprudenza conseguita in un altro Stato membro per il solo motivo che non si tratta di una laurea in giurisprudenza conferita, confermata o riconosciuta come equivalente da un'università del primo Stato.

 Corte di Giustizia, sentenza 13 ottobre 2003 


black bar

16.10.2003
DIRITTO COMUNITARIO: ITALIA CONDANNATA PER LA LEGISLAZIONE SUI LICENZIAMENTI COLLETTIVI 

La Corte di Giustizia ha statuito che La Repubblica italiana ha omesso di dare piena attuazione alla direttiva 98/59/CE concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di licenziamenti collettivi, e ciò in quanto la normativa italiana ha creato una sostanziale esenzione non prevista dal diritto comunitario per tutti i datori di lavoro che, nell'ambito della loro attività, non perseguono uno scopo di lucro pur occupando centinaia di persone o godendo di grande rilevanza economica (quali le associazioni sindacali, le fondazioni, i partiti politici, le cooperative e le organizzazioni non governative).

 Corte di Giustizia, sentenza 16 ottobre 2003  


black bar

1.10.2003
FORO DEL CONSUMATORE: INTERVENGONO LE SEZIONI UNITE 

La Corte di Cassazione ha chiarito che la disposizione dell’art. 1469 bis comma 3 , n. 19 c.c. si deve interpretare nel senso che il legislatore, nelle controversie tra consumatore e professionista, ha stabilito la competenza territoriale esclusiva del giudice del luogo della sede o del domicilio elettivo del consumatore; si presume pertanto vessatoria la clausola che individui come sede del foro competente una diversa località, anche se si tratti di uno dei fori già previsti dal codice di procedura civile.

Inoltre la Corte ha altresì precisato che tale norma ha natura processuale e pertanto si applica alle cause iniziate dopo la sua entrata in vigore, anche se relative a controversie derivanti da contratti stipulati in precedenza.

 Cassazione Civile, Sezioni Unite, sentenza 1 ottobre 2003 n. 14669  


black bar

29.07.2003
PUBBLICATO IL  “CODICE” DELLA PRIVACY 

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato finalmente pubblicato il D.lgs. 30.06.2003 n. 196, che costituisce il primo testo unico in materia di protezione dei dati personali.

Vengono così riunite in unico contesto le disposizioni della legge 675/1996 e degli altri decreti legislativi, regolamenti e codici deontologici che si sono succeduti in questi anni; il provvedimento entrerà integralmente in vigore il 1° gennaio 2004.

 Decreto Legislativo 29 Giugno 2003, n. 196 (dimensioni del file pdf 2,9 Mb: tempo di scaricamento con linea analogica 16' c.a.)    


black bar

12.07.2003
IN VIGORE LE SEZIONI SPECIALIZZATE IN MATERIA DI PROPRIETA' INDUSTRIALE E CONCORRENZA SLEALE  

Le controversie relative a marchi nazionali e comunitari, brevetti d'invenzione e per nuove varietà vegetali, modelli di utilità, disegni e modelli e diritto d'autore nonché relative a fattispecie di concorrenza sleale interferenti con la tutela della proprietà industriale ed intellettuale, verranno attribuite dal 1.07.2003 alle sezioni specializzate istituite presso i Tribunali e le Corti d'Appello di Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Trieste e Venezia.

I procedimenti già pendenti alla data del 30 giugno 2003, rimarranno invece assegnati al giudice competente in base alla normativa vigente.

 Decreto Legislativo 27 Giugno 2003, n. 168 


black bar

16.06.2003
CONFERMATA LA CONTINUITA' NORMATIVA PER I REATI DI FALSO IN BILANCIO E BANCAROTTA FRAUDOLENTA 

Con una importante quanto attesa decisione, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno riconosciuto che, nonostante l'area di punibilità del reato di false comunicazioni sociali risulti fortemente circoscritta dalla nuova fattispecie, i fatti commessi sotto il vigore della precedente norma rimangono punibili secondo le norme sulla successioni di leggi penali, purché sussistano tutti i requisiti richiesti dall’odierna fattispecie. In caso contrario tali fatti non costituiscono più reato, a causa di una parziale abrogatio criminis che non può che travolgere anche le sentenze di condanna passate in giudicato.

La corte ha altresì ravvisato la continuità normativa tra la vecchia e la nuova formulazione del reato di bancarotta fraudolenta di cui all’art. 223, secondo comma, n. 1 della Legge Fallimentare.

    Cassazione Penale, Sezioni Unite, sentenza 16 giugno 2003, n. 25887


black bar

14.06.2003
ECCO IL “PATTEGGIAMENTO ALLARGATO” 

Grazie alle modifiche approvate dal Parlamento, dal 29 giugno sarà possibile ricorrere al patteggiamento anche quando viene superato il limite dei due anni di pena detentiva.

Si viene così a profilare, accanto alla “classica” disciplina dell’istituto, una normativa parallela che consente l’applicazione di una pena superiore ai due anni (purché entro il limite di cinque anni); il reato però non si estingue, come invece avviene per il patteggiamento “ordinario” a norma del secondo comma dell’art. 445 c.p.p..

  Legge 12 Giugno 2003, n. 134 


black bar

14.04.2003
COMMERCIO ELETTRONICO: 

DAL 14 MAGGIO IN VIGORE LA  NUOVA DISCIPLINA EUROPEA

Il Governo italiano ha dato attuazione alla direttiva europea n. 2000/31/CE relativa ad alcuni aspetti giuridici della società dell'informazione e del commercio elettronico.

Viene definito il c.d. "ambito regolamentato" (art. 2),  sono previsti i casi in cui può essere limitata la libera circolazione dei servizi provenienti da un altro Stato membro (5), e vengono imposti ai prestatori di servizi precisi obblighi di informazione (art. 7 e seguenti). 
Decreto Legislativo 9 Aprile 2003 n. 70 (pubblicato nella G.U. n. 87 del 14.04.03)


black bar

03.03.2003
PRIVACY: INTERVENTO SULLE CENTRALI RISCHI

Il Garante della Privacy, dopo il provvedimento a carattere generale adottato nel luglio 2002 in cui stabiliva che le segnalazioni di "sofferenze" poi estinte devono essere cancellate al più tardi entro un anno dalla regolarizzazione, ha ordinato ad una centrale rischi di cancellare i dati di un consumatore che aveva sanato la sua posizione debitoria. 

Anche in questo caso non è stata ritenuta sufficiente l’aggiunta, accanto al nominativo dell’interessato, della dicitura “regolarizzato”, ma si è affermata la necessità dell’effettiva cancellazione del nominativo 
 Garante Privacy - Newsletter 3 Marzo 2003  


black bar

22.01.2003
PUBBLICATA LA RIFORMA DELLE SOCIETA'

 Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale i due decreti legislativi di riforma del diritto societario nonché di riforma dei procedimenti in materia di diritto societario, di intermediazione finanziaria e del settore bancario e creditizio.

 L’impatto sulla vigente disciplina è a dir poco notevole: proprio per tale motivo è stato previsto che le nuove norme entrino in vigore a partire dal 1° gennaio 2004.

  Decreto Legislativo n. 5/03 di riforma dei procedimenti societari  

  Decreto Legislativo n. 6/03 di riforma delle società  


black bar

23.10.2002
NUOVE NORME PER GLI INADEMPIMENTI CONTRATTUALI

E’ stato pubblicato sulla G.U. il decreto legislativo di attuazione della normativa comunitaria in tema di ritardo dei pagamenti nelle transazioni commerciali. Questi i punti salienti del provvedimento:

- automatica decorrenza degli interessi dal giorno successivo alla scadenza del pagamento

- tasso di interessi pari a quello applicato dalla Bce maggiorato di 7 punti percentuali

- possibilità di ottenere il decreto ingiuntivo anche quando esso debba essere notificato all’estero

- espressa previsione che la riserva di proprietà concordata per iscritto è “opponibile ai creditori del compratore se e' confermata nelle singole fatture delle successive forniture aventi data certa anteriore al pignoramento e regolarmente registrate nelle scritture contabili”.

  Decreto Legislativo 9 ottobre 2002 n. 231  

  Vedi il testo della Direttiva n. 2000/35/CE del 29.06.00  


black bar

02.09.2002
PRIVACY: CENTRALE RISCHI PRIVATA E PRESTITI NON EROGATI

Il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha dichiarato illegittimo ai sensi della L. 675/96 il fatto di conservare e diffondere nel circuito bancario e finanziario informazioni relative a prestiti richiesti e non concessi, oppure a prestiti oggetto di rinuncia da parte dello stesso richiedente. Tale trattamento di dati, infatti, a parere del Garante è illegittimo anche se vi sia il consenso dell’interessato, e ciò perché “il principio di pertinenza e non eccedenza dei dati personali non avrebbe comunque consentito, nel caso concreto, di ritenere giustificata e proporzionale tale diffusione”.
 Garante Privacy - Newsletter 2 Settembre 2002  


black bar

31.07.2002
DIRETTIVA UE SULLA PRIVACY NELLE COMUNICAZIONI ELETTRONICHE

E' stato pubblicato il testo della Direttiva 2002/58/CE relativa al trattamento dei dati personali ed alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche. 

Le relative disposizioni di attuazione dovranno essere adottate dai singoli stati entro il 31 ottobre 2003.
 
Direttiva n. 2002/58/CE del 12.07.02  


black bar

20.06.2002
RESPONSABILITA’ DELLE POSTE ITALIANE PER RITARDATA CONSEGNA

Continua il processo di erosione della “irresponsabilità” delle Poste per omissioni e ritardi. La Corte costituzionale ha infatti dichiarato costituzionalmente illegittimo il T.U. in materia postale, banco posta e telecomunicazioni nella parte in cui escludeva la responsabilità dell’Amministrazione e dei concessionari del servizio telegrafico per il mancato recapito di un telegramma (in materia si veda anche Cass. Civ., Sez. III, 22 maggio 2002, n. 7549, che ha rigettato il ricorso per cassazione contro una sentenza del Giudice di Pace - peraltro resa secondo equità - che aveva riconosciuto la responsabilità delle Poste Italiane per ritardata consegna di un plico).
 
Corte Costituzionale, sentenza 20 giugno 2002, n. 254 


black bar

6.06.2002
CONCORRENZA UE: ANNULLATO IL VETO ALLA FUSIONE AIRTOURS-FIRST CHOICE

Il Tribunale di Primo Grado della Comunità Europea ha annullato la decisione della Commissione che aveva dichiarato incompatibile con il mercato comune il progetto di fusione tra i due famosi tour operator britannici. Di particolare interesse anche le precisazioni contenute nella sentenza in merito alla definizione di mercato rilevante.
 
Tribunale di Primo Grado CE, sentenza 6 giugno 2002 


black bar

30.05.2002
NUOVO REGOLAMENTO EUROPEO SULLA RESPONSABILITÀ DEL VETTORE AEREO

Sulla G.U.C.E. è stato pubblicato il Regolamento n. 889/02 che ha modificato la precedente normativa sulla responsabilità del vettore in caso di incidente aereo, ampliando da molteplici punti di vista la tutela prevista in favore dei viaggiatori.
 
Regolamento CE n. 889 del 13 maggio 2002


black bar

20.05.2002
RICONOSCIUTA LA NATURA AMMINISTRATIVA DEL GARANTE DELLA PRIVACY

La Corte di Cassazione ha affermato la natura amministrativa e non giurisdizionale dell’autorità  Garante per la Tutela dei Dati Personali, riconoscendo quindi la sua piena legittimazione a prendere parte al giudizio che si svolge dinanzi al Tribunale ex art. 29 L. 675/96.
 
Corte di Cassazione 26 Febbraio - 20 Maggio 2002 n. 7341


black bar

15.04.2002
RIFORMA DEGLI ILLECITI PENALI E AMMINISTRATIVI DELLE SOCIETA’

Con il D.lgs. 11 aprile 2002 n. 61 il Governo ha dato attuazione alla delega di cui alla Legge 3  ottobre  2001,  n.  366, riformando in maniera significativa la disciplina degli illeciti penali ed amministrativi riguardanti le società commerciali.
 
Decreto Legislativo 11 aprile 2002 n. 61


black bar

4.04.2002
GIUSTIZIA COMUNITARIA: LE ISTRUZIONI PER ADIRE IL TRIBUNALE DI PRIMO GRADO

Sulla Gazzetta Ufficiale delle Comunità Europee del 4 Aprile scorso sono state pubblicate le istruzioni ufficiali per l’introduzione e lo svolgimento del procedimento dinanzi al Tribunale di Primo Grado. Vengono disciplinate tra l’altro le modalità pratiche di formazione e di invio degli atti.


black bar

8.03.2002
PUBBLICATO IL DECRETO LEGISLATIVO SULLA GARANZIA NELLA VENDITA

Sulla Gazzetta Ufficiale del 8.03.2002 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 2.02.2002 n. 24 che, in attuazione della direttiva 1999/44/CE, ha introdotto nel Codice Civile gli articoli 1519bis e seguenti. Tali norme hanno profondamente inciso sull’estensione della garanzia nella vendita di beni mobili ai consumatori, prevedendo tra l’altro che la garanzia copra i difetti sorti entro 2 anni dalla consegna del bene e che, in tale caso, il consumatore abbia diritto a richiedere la riparazione o sostituzione del bene.
 
Decreto Legislativo 2 febbraio 2002 n. 24


black bar

20.02.2002
LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA SALVA LE TARIFFE FORENSI 

Secondo la Corte di Giustizia UE le tariffe degli avvocati (che prevedono tra l’altro l’inderogabilità dei minimi tariffari) non violano gli articoli 5 e 85 del trattato UE (ora artt. 10 CE e 81 CE). Infatti nel processo di formazione delle tariffe interviene anche il Ministero della Giustizia, e proprio tale intervento ha permesso ai Giudici della Corte di salvare le tariffe forensi (diversamente da quanto avvenuto per gli spedizioneri doganali).
 
Corte di Giustizia 19 febbraio 2002, n. C-35/99


black bar

30.10.2001
ONERE DELLA PROVA IN CASO DI INADEMPIMENTO CONTRATTUALE

La Cassazione a Sezioni Unite ha affermato che il creditore, sia che agisca per l’adempimento, per la risoluzione del contratto o per il risarcimento del danno, è tenuto a fornire soltanto la prova del titolo che costituisce la fonte del diritto vantato ma non l’inadempimento dell’altra parte: sarà il debitore convenuto a dover fornire la prova del fatto estintivo del diritto.
 
Cassazione civile 30 ottobre 2001, n. 13533


black bar

TORNA ALLE NEWS